Cuore di verdura

Come conoscersi, nutrirsi e amarsi

Nove esperti ci presenteranno con chiarezza le più recenti scoperte scientifiche nel campo della nutrizione.

Dott.ssa Giordana Lucente. Conoscersi, nutrirsi e amarsi

Nella foto il Dott. Giuseppe Miserotti e la Dott.ssa Giordana Lucente (a destra) insieme alla conduttrice Anna Paola Cavanna.

Conoscersi, nutrirsi e amarsi: mangiamo almeno tre volte al giorno, ogni giorno della nostra vita: piccole variazioni possono determinare grandi cambiamenti, da qui grande importanza riveste l’educazione alimentare.

É su queste basi che prende avvio da giovedì 7 aprile su Telelibertà – alle ore 20,20 subito dopo il telegiornale – una serie di nove trasmissioni dedicate alla nutrizione.
Gli incontri, condotti da Anna Paola Cavanna, avranno come ospiti esperti in campo medico e nutrizionale, che ci diranno come affrontare in maniera corretta la sfida giornaliera con la tavola.
Con l’avvento della rivoluzione industriale, infatti, le abitudini alimentari nei paesi occidentali hanno subito profondi mutamenti e questa tendenza è in continua evoluzione alla luce della vastissima offerta di prodotti a disposizione del consumatore.

Conoscersi, nutrirsi e amarsi

Molti studiosi sono concordi nel ritenere che una corretta alimentazione sia fondamentale per la salute dell’organismo umano. In tempi recenti si è avuta la conferma, tramite studi condotti sulla popolazione, che le abitudini alimentari moderne sono caratterizzate da un consumo eccessivo di zuccheri raffinati e grassi animali, ma sono povere di alimenti vegetali. Proprio frutta e verdura fresche di stagione sono fonti di vitamine, sali minerali e fibre e sono ricche di enzimi che ne permettono una corretta assimilazione. Un’alimentazione non equilibrata favorisce la comparsa e la progressiva evoluzione di patologie croniche quali l’artrosi, l’osteoporosi, il diabete, l’ipertensione arteriosa, le affezioni cardiovascolari, le malattie autoimmuni, la patologia tumorale nelle sue varie localizzazioni.
Recenti dati statistici dimostrano come queste condizioni patologiche stiano rapidamente crescendo, in particolare tra i giovani dei paesi occidentali.

La “mission” è quella di trasmettere una consapevolezza alimentare tale per cui il singolo individuo sia nelle condizioni di poter scegliere il cibo più appropriato da assumere. Sappia cioè distinguere gli alimenti vantaggiosi da quelli svantaggiosi con l’obiettivo appunto di conoscersi, nutrirsi e amarsi.